\\ Home Page : Articolo : Stampa
Quando chi uccide dovrebbe già essere in carcere
Di M. Cazora (del 22/11/2013 @ 12:14:46, in Parole senza deferenza, linkato 913 volte)
Per chi afferma che il problema carceri va risolto con pene alternative, che non sempre la galera sia necessaria: NEL PALERMITANO Farmacista uccisa durante rapina Due banditi l'hanno sgozzata per 3700 euro L'assassinio a Blufi, i carabinieri li hanno arrestati Uno dei malviventi era ai domiciliari vicino al negozio Perché non ci forniscono i dati di quanti ai domiciliari continuano a commettere reati? Solo a Roma abbiamo interi quartieri in cui vi sono circa 200 persone in tale situazione a fronte di una ventina in tutto tra poliziotti e carabinieri, anche volendo sarebbero in grado di tenere sotto controllo la situazione? Ma solo l'Italia vuole sempre svuotare le carceri per risolvere il problema del sovraffollamento, gli altri paesi hanno lo stesso numero di carcerati ma senza alcun problema, sapete perché? Perché gli altri paesi hanno sul proprio territorio molte più strutture carcerarie di noi, non ve l'aspettavate una soluzione tanto ingegnosa vero? Inoltre quando parliamo di tagli alla spesa pubblica, potrebbero come fossimo in albergo dettagliarci il conto di un ospite delle nostre carceri, come si arriva a spendere per un recluso oltre 100€ al giorno e con quella situazione di sovraffollamento? Ed io imperterrito continuo a chiedere a chi la pensi diversamente da me: dimmi una sola cosa che funzioni in questo Paese, una sola, non chiedo poi tanto, ma curiosamente scende un silenzio fatto di panico ed imbarazzo di fronte a tale domanda, chissà perché?