vai alla home pagei perchè del nostro progettomettiti in contatto con lo staffcommenti e suggerimenti...vai alla home page
 
\\ Home Page

In evidenza...
02/04/2010 Cos'è questo golpe? Io so di Pier Paolo Pasolini  (M. Cazora)
08/04/2010 Fonti ha raccontato di mio padre. Ma la storia continua...  (M. Cazora)
20/04/2010 L'insostenibile leggerezza dell'ipocrisia  (M. Cazora)
27/04/2010 La chiamavano... "società della comunicazione"  (M. Castronuovo)
27/04/2010 Dove andrà a parare il PDL?  (R. Di Giovacchino)
12/07/2010 Le mille vite di Flavio Carboni  (R. Di Giovacchino)
13/02/2011 Etimologia  (M. Cazora)
15/02/2011 Apatia  (M. Cazora)
16/02/2011 Imposimato, "storia di un uomo ridicolo"  (M. Cazora)
16/02/2011 Come dimenticare la storia  (M. Cazora)
18/10/2014 La responsabilità penale dei giudici  (M. Cazora)
 
Apple Italia, ma Cupertino lo sa?  
Di M. Cazora  18/12/2015  in Parole senza deferenza
Nell'aprile del 2010 acquistavo un prodotto Apple, esattamente un Imac da 27”, spesa superiore ai 2000€. Nel breve corso della sua vita un prodotto di così grande qualità ha visto cambiare la bellezza di tre monitor più altre parti. Me la sono cavata anche per il fatto che avevo sottoscritto l'Apple Care pagando quasi 200€ di estensione della garanzia. Nel giugno 2015 portavo presso un rivenditore e centro di assistenza Apple autorizzato di Roma per surriscaldamento del mio Imac, spesi 67€ per la semplice pulizia interna con aria compressa. Dopo appena 10 giorni il mac continuava a scaldarsi moltissimo ed a spegnersi all'improvviso solo per la parte monitor, il tutto continuava a funzionare. Chiamavo la Apple che mi suggeriva di portarlo presso un Apple Store e mi recavo a quello Porta di Roma. Con grande fatica dopo circa 10 giorni veniva individuato il problema e mi venivano sostituite delle componenti a mie spese, purtroppo nel consegnarmelo i tecnici affermavano che tale problema era stato molto probabilmente causato dal surriscaldamento ed allora facevo presente la pulizia effettuata solo 10 giorni prima ed essi affermavano di averlo trovato pieno di polvere e mettevano per iscritto come nota sulla fattura lo stato della macchina al loro ricevimento e sempre per iscritto attribuivano la causa del mio guasto al mancato lavoro del Centro assistenza Bagnetti. Facevo presente che si profilava il reato di truffa con la loro affermazione. Solo 20 giorni dopo la macchina presentava lo stesso problema, altro calvario di diversi giorno per la difficoltà di individuare il problema, sostituita altra componente, un cavo. Tutti questi lavori hanno una curiosa garanzia di soli tre mesi. Nel mese di settembre il problema torna a farsi presente, a quel punto contattavo la Apple che vista la storia quantomai curiosa compie un gesto da grande azienda qual'è, mi garantiva a sue spese la riparazione del mio Imac qualunque cosa ci fosse da sostituire. Mi veniva suggerito di riportarlo presso Apple Store Porta di Roma, così facevo ed iniziava una pantomima tanto triste quanto scandalosa. Il mio Imac rimaneva lì per quasi un mese poiché i tecnici Apple non erano in grado di scoprire quale fosse il problema, intercorrevano mail e telefonate registrate con i manager della Apple che continuavano a garantire che tutto avrà una soluzione come promesso. All'improvviso lo Store presentava un preventivo di circa !800€ per la riparazione ed ecco che per incanto tutto quanto garantito dalla Apple andava in fumo, la cifra era troppo alta e mai si era fatto cenno né verbale ne scritto ad un tetto. A quel punto i manager Apple decidevano di far controllare da altro centro la mia macchina, così scoprivo che l'Apple Store Porta di Roma per loro non era attendibile, mi veniva allora garantito che se la macchina fosse stata guasta me l'avrebbero sostituita con un'altra nuova, il mio mac viaggiava sino a Milano, lì risiedeva per 10 giorni e poi mi veniva riconsegnato con l'affermazione il mac non presentava alcun problema. Conclusione Apple Store totalmente incapace, se mi fosse stato proposto di riparare la mia macchina a mie spese avrei speso 1800€ senza alcun motivo poiché tutto era perfettamente funzionante, strano poiché affermavano di aver riscontrato il problema e di non averlo risolto, per Milano non c'era alcun problema. Giorni nostri. Trascorre un mese e mezzo e “ovviamente” il problema del monitor che si spegne da solo e non si riaccende torna vivo come prima, richiamo i manager della Apple i quali incuranti dicono che nonostante il problema ci sia non mi sostituiranno il mio Imac. Parola data, scritta e registrata rimangiata per ben due volte. Torno all'Apple Store Porta di Roma, dopo l'attesa mi viene incontro una ragazza gentile che conosceva la lunga storia e mi fa presente che da 2 giorni il mio Imac di poco più di 5 anni è diventato “vintage” sì, avete letto bene proprio così, quindi loro non possono per direttiva Apple prenderlo più in riparazione ed aggiustarlo, faccio allora presente la garanzia fornita nel momento in cui avevo pagato ed in effetti la ragazza sempre con parlare molto Yankee sosteneva che la situazione in realtà era molto “border line”, comunque così è. Circa due settimane fa un pensionato inglese è stato risarcito per la somma di 1300 sterline a Londra poiché l'Apple Store aveva cancellato tutti i suoi dati. Cosa dovrei aspettarmi per un bene di lavoro pagato almeno tre volte tanto? I danni materiali ed esistenziali causatimi per questo stillicidio durato mesi e soffrendo io di patologie che non scriverò? Per ultimo cosa gravissima per il marchio più famoso al mondo, chi garantirà da chi poter andare con sicurezza se si ha un problema con un loro prodotto visto che non si fidano neanche loro dei propri centri? Infine in quale paragrafo nel momento in cui ho sostenuto una spesa assai onerosa era indicato che dopo poco più di 5 anni in caso di danno anche banale avrei dovuto rottamare il mio Imac? Ai Giudici l'”ardua” sentenza.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Eros che figura da dimenticare.....anzi da ricordare!  
Di M. Cazora  13/08/2015  in Parole senza deferenza
Ramazzotti non provo pena per te ma ribrezzo! Quello degli altri è "nepotismo schifoso" mentre il tuo è sano! Se fossi una persona perbene ed un bravo padre insegneresti l'umiltà e l'onestà di cui tanto ti vanti anche a tua figlia e non agli altri, se ti fregi della gavetta come un merito, per tua figlia perché ha un valore diverso? Alla fine dici pure "fatevela una risata", facile ridere quando si sta comodi e si fa accomodare la propria figlia a soli 18 anni alla tavola degli "uguali" di cui sparli. Ti vanti di dare lavoro a migliaia e migliaia di persone, avrai forse esagerato con i numeri e comunque non lo dai tu ma i tuoi produttori, la casa discografica, la gente che ora tanto disprezzi. Eri un ragazzo di periferia, ma ora pensi che le differenze siano giuste (sacrosanto) ma addirittura che si debbano ereditare oltre ai beni materiali per diritto divino. Tua figlia può avere un lavoro di prestigio a 18 anni ma ha bisogno dell'intervento di papà ed affermi che è un talento straordinario, bell'esordio! Peccato, vedi, a volte il silenzio evita perlomeno figure barbine, tu avresti fatto bene a farne tesoro, forse sei nato per cantare, ma non per parlare e dare lezioni di buon gusto e rispetto per il prossimo. Non solo sei come gli altri, sei peggio degli altri perché affermi di essere migliore. p.s Ormai hai 21 anni, è bene che tu sappia che non sei Frank Sinatra
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Complici di infanticidi di massa  
Di M. Cazora  05/02/2015  in Parole senza deferenza
Ginevra, 5 febbraio 2015 - L'Isis uccide, tortura e violenta sistematicamente bambini e famiglie di gruppi minoritari in Iraq: è quanto emerge da un rapporto dell'Onu pubblicato a Ginevra. I bambini, riporta il documento, in molti casi vengono anche "crocifissi", "decapitati" e "sepolti vivi". Siamo proprio sicuri che l'inferno sia peggio di questo? Forse neanche satana sarebbe capace di tanto (ma non ci giurerei). Il popolo iracheno doveva essere liberato dall'oppressore, detentore di armi da sterminio di massa. Detto fatto, esportiamo democrazia, non è tollerabile una situazione simile. Migliaia e migliaia di vite umane dissolte in nome di una menzogna, migliaia di miliardi di dollari spesi per le guerre ( avrebbero portato la salvezza a milioni di africani per decenni con quelle somme). Ora che leggiamo della scoperta dell'inferno in Iraq ed in Siria ci voltiamo dall'altra parte, in fondo non abbiamo già dato, ma abbiamo già preso! Che i potenti siano destinati ad un inferno certo è una garanzia ( è scritto proprio nella fattura). Chi continua a non fermare satanisti che sacrificano bambini dandogli sofferenze che la mia mente non riesce nemmeno ad immaginare, può considerarsi complice e per questo pagherà in eterno.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Gli antichi-democristiani  
Di M. Cazora  01/02/2015  in Parole senza deferenza
Alla fine ho pagato il biglietto e lo spettacolo è stato annullato, è sempre tutto così monotono in questo Paese, quello che non strozza ingrassa e così a forza di corsi e ricorsi per trovare un vero istrione mi debbo rifugiare nel solito Aznavour, lui sì è anziano ma ancora capace di sorprendermi e trasmettermi emozioni vere, forti. A voi che eravate tanto in pensiero lascio l'uomo dalla schiena dritta, così noioso e così demitiano. Il male non muore mai e nemmeno i suoi eredi. Che il nuovo spettacolo fatto di loden tristi e di posture antico-democristiane abbia inizio. Buon divertimento!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Ho voglia di divertirmi  
Di M. Cazora  30/01/2015  in Parole senza deferenza
Credo che Renzi abbia premeditatamente organizzato il tutto da molto tempo. Mi da l'impressione di chi non sappia vincere con eleganza, ma che piuttosto voglia stravincere. Mostriamo a Bersani ed a tutto il PD che 2 anni fa sarei riuscito dove gli altri hanno fallito. Oggi decido Mattarella e Mattarella sia! Può farcela e dare un tale segno di forza capace di ammutolire chiunque. Per quanto mi riguarda potrebbero eleggere Corona o Schettino, per quanto me ne frega, un po' di spettacolo però me lo godrei, una resistenza e lotta all'ultimo sangue con gli ultimi mohicani mi divertirebbe. Il biglietto l'ho pagato! Su, forza, che lo spettacolo abbia inizio!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)    Bookmark and Share
 
Imposimato e gli italiani più falsi di una moneta da 4 euro.  
Di M. Cazora  29/01/2015  in Parole senza deferenza
Quirinarie M5s: il candidato è Imposimato, seguono Prodi e Di Matteo Quando si parla di M5s al massimo si indica la poca preparazione e mai la malafede. Non posso affermare con certezza cosa ci sia dietro a molte delle loro dichiarazioni, una fra tutte la voglia di tornare al voto con le preferenze. Per parlare di nuovo è obbligatorio e non facoltativo conoscere il vecchio! Di Imposimato ho già parlato in diversi mie "articoli". Stiamo trasformando in un presunto eroe dalla fronte alta ed immacolata,chi in realtà è stato capace di fare tutt'altro nella sua lunga e premiata carriera. Non è colui che ha in tasca la verità sul Caso Moro, al contrario è colui che da PM ha insabbiato molto durante le sue indagini ma oggi ci racconta vendendo libri a profusione un'altra storia, fatta di mille misteri risolti. Come il M5s o è un grandissimo incapace o è in malafede! Credo che nessun Paese abbia bisogno di un Presidente della Repubblica con queste caratteristiche. Pensate ora su quale storia, su quali verità si basano le conoscenze del popolo italiano, sconcertante! Siamo sempre e solo capaci di lamentarci, anche quando scegliamo e decidiamo noi quale bandito o incapace deleghiamo per posti decisionali o di massima responsabilità. Nella peggiore delle ipotesi alla domanda "perché hai votato questo o quello?" ci avvaliamo della facoltà di non rispondere, richiediamo le attenuanti generiche e ci autoassolviamo perché il fatto non sussiste.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Anche i Servizi lavorano al ricambio  
Di M. Cazora  28/01/2015  in Parole senza deferenza
Le mani della 'Ndrangheta sull'Emilia, 117 arresti. Tanti, "troppi" arresti e colpi durissimi negli ultimi mesi ai danni degli uomini e della mafia più vicina ai Servizi. Questo segnale si accompagna all'avvento prorompente e prepotente di Renzi. La "nuova" politica va di pari passo con lo scompaginamento di coloro che hanno fornito garanzie di un certo tipo per decenni al Paese e ad alcuni Paesi "amici" di sempre. Non è semplice pensare ad un ricambio tanto vasto e diffuso. Pensate che come per incanto si possa rinunciare a cifre che si avvicinano sempre di più ai 200 miliardi di € l'anno? Qui gatta ci cova. Quale potrà mai essere il ricambio? Quante lotte e rese dei conti all'interno delle varie intelligence? Per ora non è dato sapersi, ma prima o poi lo scopriremo.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
La Concordia dei reality  
Di M. Cazora  26/01/2015  in Parole senza deferenza
Concordia, per Schettino chiesti 26 anni e 3 mesi di reclusione. Il pm: "Dio abbia pietà di lui, noi no" Nove anni per naufragio colposo, 14 per omicidio colposo e 3 per l'abbandono della nave. L'ex comandante non è in aula a Grosseto. Il procuratore: "Incauto idiota". Richiesto l'arresto per pericolo di fuga. La difesa: "Quasi l'ergastolo, manco Pacciani" Oramai anche gli avvocati difensori degli assassinii più efferati hanno scambiato la loro professione per un reality, pur di avere una sola apparizione di pochi secondi in tv sarebbero disposti a qualunque cosa. Gli ho visto fare le figure più meschine, affermare le cose più ignobili, ma gongolavano perché a fronte di poveri innocenti morti, essi potevano coronare il loro sogno di mettersi in mostra, di poter sentire appagato quel senso narcisistico ed attuale che oramai come un virus letale ha colpito l'umanità. Questo bisogno di apparire e non quello di essere di essere capaci denotano una sindrome che affrontata con serietà, dovrebbe portare molti a rivolgersi ad uno specialista per curarsi, al contrario questo mondo offre loro un'opportunità unica: "mi vedono in tv". Schettino ha lasciato morire 33 persone, va in giro a fare il divo e non è peggio di Pacciani? Se fosse questa la condanna e non lo sarà, gli andrebbe di lusso, ma del resto si sa, in Italia non smettiamo mai di stupire ed abbiamo lasciato agli oggetti smarriti quella sana indignazione e capacità di reazione allo schifo che dovrebbe farci crescere come esseri umani. Che Dio non abbia pietà né di Schettino né di quei cretini come il suo avvocato, il quale non afferma cretinerie per difesa, ma per affermare anche il suo bisogno di protagonismo ( non può esser da meno del proprio assistito). Che Dio fermi i reality!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Un popolo che viaggia contromano  
Di M. Cazora  22/01/2015  in Parole senza deferenza
"Corona è un uomo molto sofferente - hanno spiegato gli avvocati Ivano Chiesa e Antonella Calcaterra - con problemi seri dal punto di visto psicologico e psichiatrico." Potremmo dire meglio tardi che mai, peccato se ne accorgano ora che è in carcere e non abbiano fatto nulla per curarlo prima quando secondo molti era "sano" ed in grado di delinquere. Inutile o quasi sottolineare che questo mondo che gira al contrario trova spazio sui media per questo squallido soggetto e non per chiunque soffra molto più lui nelle carceri italiane. Abbiamo detenuti malati di cancro o aids che ricevono continui no da parte dei magistrati per poter scontare la propria pena al di fuori di quelle mura, per Corona si mobilitano tutti. Don Mazzi; noto per aver scambiato il piccolo schermo nel suo luogo di culto, dimenticando che la Chiesa è la casa del Signore; si dichiara pronto ad accorglierlo a braccia aperte per curalo ed evidenzia come chi ha commesso reati peggiori di quelli del suo amico sia fuori,ma io trovo che la cosa giusta giusta sarebbe che scontassero tutti delle vere pene in relazione al reato commesso, senza troppe attenuanti o benefici come previsto dal Codice Penale o dallo stato d'animo di chi giudica. Viene inoltre fatto notare che è un grande contribuente, quest'anno ha versato un milione di euro al Fisco, due considerazioni, ha guadagnato tutto onestamente? chi è un grande contribuente ha diritti diversi diversi di fronte alla legge? Come al solito noi italiani sappiamo farci notare per la nostra bassezza morale, capaci di urlare per i presunti diritti di un delinquente mediatico, ma totalmente inermi di fronte a ciò che affligge il mondo ed il nostro Paese. E qualcuno ancora crede che l'Italia possa crescere, guai ad affermare il contrario come faccio io da troppo tempo, si passa per disfattisti o nella migliore delle ipotesi pessimisti, a qualcuno viene forse in mente il termine realista? Un Paese ha bisogno prima ancora di una politica economica nuova, di una base culturale sana, capace di poter trasmettere gli stimoli giusti ad una società malata piuttosto che utilizzare come metodo continuo l'elettroshock intontendo ulteriormente menti già stracolme di "principi" malsani ed intorpiditi da un'ignoranza ed un'educazione che poco si addicono alla speranza di qualcosa che cambi e si muova nella giusta direzione. Noi restiamo e resteremo sempre per indole un popolo che viaggia tutta la vita contromano.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
La voce del silenzio  
Di M. Cazora  18/01/2015  in Parole senza deferenza
Civati: ''A Cofferati risposte volgari, dovremmo dimetterci tutti'' Parto dal presupposto che non trovo di nessuna rilevanza dichiarazioni politiche in questo Paese, da qualunque parte esse vengano, per il semplice fatto che non mi va più da anni di continuare a perseguire la nociva tentazione che molti coglie di proporre cure per uno Stato che non è malato bensì morto. E' morto sul nascere, già con la strage di Portella della Ginestra, figuriamoci oggi che oltre ad aver perso sovranità è anche fallito economicamente. Trovo però molto interessante questa frase di Civati, perché ben rappresenta questi 70 anni di storia repubblicana. Lo so, "stiamo" per eleggere il Capo dello Stato, l'Italia va a picco, c'è sempre bisogno di un grande senso di responsabilità. Se in questo immondo e strano girone chiamato Penisola, gli uomini che detenevano e detengono posti di responsabilità, se il popolo che ha da sempre la maggior responsabilità riguardo la nostra storia, poiché ne è l'attore protagonista, avessero compiuto scelte coerenti, coraggiose, rispettose, non diremmo a chi compie un gesto che definiamo giusto ed esemplare: bravo! Tu hai avuto la forza di farlo ora "dovremmo", no ora lo facciamo tutti e lo facciamo per davvero. A volte il senso del dovere e della responsabilità ci dovrebbe condurre a comprendere che la storia non si fa con le cose non dette, con le cose non fatte, piuttosto mettendo chi crede di essere padrone del mondo di fronte a qualcosa che mai si sarebbe aspettato di dover affrontare, per il semplice fatto che non ha mai avuto a che fare né con il proprio coraggio né con quello degli altri. Totò recitava "siamo uomini o caporali?" Questo paese ha conosciuto quasi solamente caporali, gli uomini veri di contro sono stati uccisi o emarginati. Civati non lo chiedo a te perché so che non ne saresti mai capace, vorrei tanto chiederlo al popolo, ma sarebbe tempo perso, dimettetevi tutti e lottate per le cose giuste, per un futuro sano, poi mi domando: ma qualcuno lo desidera veramente un mondo sano a parte la propria di salute? Io mi sono dimesso da un pezzo, non serve certo a nulla, ma almeno non mi fa sentire complice di nessuno e non venitemi a raccontare che se tutti facessero come me questo Paese non cambierebbe mai, lo osservo da decenni purtroppo e non mi mi sono accorto di nessuno che mi abbia mostrato non solo come si cambiano le cose, ma non ho visto arrivare nessuno che volesse davvero cambiarle, non dimenticate che la Politica è quel che è ed è sempre stata, ma il popolo se ne è sempre servito per farsi rappresentare, in Italia sembri non votare mai nessuno, sembra un insieme di gente, di tifosi, che però spesso dopo aver scelto l'allenatore e la squadra, sappiano dare solo la colpa a chi scende in campo.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
La televisione che vorrei  
Di M. Cazora  14/01/2015  in Parole senza deferenza
Per chi non lo seguisse ancora Webnotte di Repubblica ieri sera ha realizzato ore di spettacolo in onore di Pino Daniele. Questa sarebbe la televisione che piace a me, dal vivo, minimal, autentica, budget bassissimi, ma tanto talento, spontaneità, creatività, improvvisazione e verità senza rete. Perché non si fa? Perché bisogna manipolare lo spettatore, non fargli sapere che esiste il talento, ma proporgli solo marchette a costi altissimi su cui tutti possano "campare". Scenografie e studi imbellettati lievitano i costi e tolgono quell'eleganza che la sobrietà è capace di donare. Ci vorrebbero autori capaci e non raccomandati o almeno raccomandati ma capaci, in Italia ci accontentiamo anche di questo. Non servono i soliti conduttori, ma esperti di musica, cinema, televisione, insomma qualcuno che sappia dar vita ad uno spettacolo vivo, reale, capace di donare spensieratezza d'autore, trasmettere e tramandare le meraviglie che queste arti sono in grado di donare, regalando alla nostra anima qualcosa possa rendere l'uomo unico e di nuovo o finalmente pronto a recepire il bello.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Francesco Rosi, una lezione utile a pochi eletti  
Di M. Cazora  11/01/2015  in Parole senza deferenza
Ed anche Francesco Rosi ci lascia, il Maestro però non ci abbandona, ci lascia in eredità capolavori che il cinema italiano ricorderà per sempre. Così avanti e così attuale, coraggioso e straordinariamente talentuoso. Il tempo trascorre inesorabile e per coloro che sono dotati della capacità di distinguere una rara predisposizione al bello, all'unico, che solo pochi sono in grado di realizzare, il privilegio aldilà dell'età della generazione, ci fa comprendere che non si tratta di mera ed infruttuosa nostalgia ciò che ci porta a notare con enorme tristezza ed impotenza che i grandi se ne vanno ed i piccoli restano. Costoro non cresceranno mai perché non ne hanno le peculiarità, ciò nonostante domineranno incontrastati l'oggi ed il domani con lavori squallidi che arriveranno alla gente facendo perdere o addirittura privando da sempre i giovani del bello. Un enorme gratitudine quindi a Rosi per averci mostrato delle meraviglie, ma una triste considerazione, le sue come altre opere grandiose, non sono riuscite a farci crescere, non ne abbiamo fatto tesoro, anzi le abbiamo ignorate ed abbiamo preferito la strada facile e squallida che ci ha portato al punto in cui ci troviamo.
Articolo (p)Link     Bookmark and Share
 
Con i pantaloni abbassati  
Di M. Cazora  17/12/2014  in Parole senza deferenza
Marò: Gentiloni: "Obbligati a reagire in modo fermo e unitario". Ho sempre guardato con occhi impietosi a chi si comporta in modo forte con i deboli e debole con i forti. L'Italia è da sempre così, la sua storia secolare ce lo insegna. La vicenda tristemente spiacevole ( per i due pescatori indiani uccisi ) è l'ennesima riprova di come l'essere umano sia capace di tutto pur di raggiungere i propri scopi, passando sopra tutto e tutti. In un mondo nel quale dopo circa 5 milioni di anni l'uomo invece di progredire regredisce, le dichiarazioni diplomatiche italiane non sorprendono più. Mi viene in mente l'incontro avvenuto ieri a Roma tra Renzi e Netanyahu. Accolto ovviamente con tutti gli onori anche da Kerry lo stesso dichiarava: "Ho detto a Kerry che i tentativi dei palestinesi e di alcuni Paesi europei di imporre condizioni a Israele avranno il solo effetto di deteriorare la situazione nella regione e rappresentano un pericolo per noi. Per cui ci opporremo con vigore". Eccoci tutti uguali ad azzannare il prossimo con la pretesa sentita e giustificata, di non rispettare le regole perché ognuno di noi ne è sopra o si sente in diritto di esserlo. Se dopo 5 milioni di anni, ripeto, l'uomo non ha ancora capito che aldilà del proprio credo religioso chi uccide non per difendersi merita il giudizio della comunità attraverso tutti gli strumenti necessari, allora non possiamo aspettarci che le generazioni attuali e future possano sapere cosa sia il senso del dovere ed il rispetto verso il prossimo. L'Italia in 80 anni quasi di storia repubblicana è il Paese nel quale si sono "osservate" più stragi ed omicidi impuniti tra tutti i paesi "occidentali". Eppure nonostante non vi sia una verità processuale, perché mai voluta, conosciamo bene i colpevoli. Pensare che se partiamo da lontanissimo, 1º maggio 1947, strage di Portella della Ginestra, sappiamo che nonostante il braccio di un fantomatico Salvatore Giuliano, bandito forse poi ucciso dai Carabinieri (ancora non lo sappiamo) la mente fu quella della Cia. Ottanta anni ed ancora non si può dire la verità. Strage del Cermis (http://it.wikipedia.org/wiki/Strage_del_Cermis) i governi Italiani sempre in assoluto silenzio di fronte ai forti. La statunitense Amanda Knox accusata e condannata in primo grado per l'omicidio di Meredith Kercher avvenuto in Italia, oggi se ne sta tranquillamente a casa sua e se venisse condannata in cassazione sempre lì resterebbe, poiché nulla potremmo fare e nulla faremmo nei confronti del nostro "amico americano. Per gli assassini e per le vittime quindi il pendolo si ferma laddove noi desideriamo. E' singolare che al posto della giustizia prevalga l'ipocrisia della viltà o dell'arroganza. Questa volta l'italia ha preso un brutto granchio, pensava di sentirsi forte nonostante la colpa e di comportarsi da tale con un Paese che riteneva e ritiene "minore" ( rievoca brutti ricordi ). Dall'inizio di questa storia si è trovata di fronte invece un' India orgogliosa di far valere i propri diritti e quelli del suo popolo. Ci dichiariamo da sempre un grande Paese, come fossimo unici, speciali e agli occhi del mondo, anche se un mondo sbagliato, ci mostriamo per ciò che siamo veramente e non perdiamo mai l'occasione di farlo. Insomma per usare una metafora che sicuramente è sentita ancor di più in India, l'Italia pensava di aver preso la vacca per la coda ed invece si è ritrova con il toro per le....... Da sempre siamo stati un popolo con i pantaloni abbassati ed all'improvviso vogliamo gridare che in questa casa chi porta i pantaloni siamo noi. Siamo ridicoli, se non fosse che c'è da piangere ancora per i poveri pescatori indiani e per la sofferenza delle loro famiglie ed inoltre inseguiamo un mondo marcio invece di trovare il coraggio di distinguerci e non cogliamo una grande opportunità, quella di mostrare ai Potenti, come si comporta un popolo civile.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
Italiani: un popolo di zombie  
Di M. Cazora  17/11/2014  in Parole senza deferenza
L'Italia è la meta preferita dagli zombie, pare che ci abbiano portato la residenza oltre 60 milioni di loro. Da un recente sondaggio l'Italia risulta essere scelta per il nuovo clima che lascia sempre più morti, per una soglia di povertà che lascia gli abitanti privi di qualunque difesa ed infine per la oramai (anche se non acclamata) certezza di una rovina totale che lascerà sul campo solo cadaveri.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
La responsabilità penale dei giudici  
Di M. Cazora  18/10/2014  in Parole senza deferenza
Omicidio-suicidio a Milano, padre accoltella alla gola il figlio 16enne poi si toglie la vita L'uomo, filippino di 43 anni, ha colpito il ragazzo che difendeva la madre anche lei ferita come la figlia 20enne. Nel 2005 era già stato arrestato per omicidio, era uscito dal carcere otto mesi fa, era in prova ai servizi sociali. I magistrati non vogliono la legge sulla responsabilità civile. Si difendono affermando che non si sentiranno sereni nelle loro decisioni sapendo di poter andare incontro alla richiesta di un risarcimento del danno. Innanzitutto se si vuole svolgere quel compito delicato che porta a decidere della libertà o meno di un essere umano, non ci si può spaventare per una richiesta di risarcimento, ma piuttosto per un senso di colpa in caso di errore che dovrebbe trascinare la coscienza in un inferno. Io ora mi chiedo e chiedo ai magistrati, ma la responsabilità penale in un caso come questo ( ne succedono a iosa nel nostro Paese ) non sarebbe quanto mai opportuna? Un uomo commette un omicidio e dopo soli 8 anni viene assegnato ai servizi sociali? Che reato occorre commettere per scontare una pena in Italia? Ora che costui è tornato a colpire, il magistrato che ha firmato per questa decisione non è correo nell'aver elargito la possibilità di uccidere ancora ad un omicida? Che strano Paese è il nostro gli stragisti sono a divertirsi e nessuno continua a spiegare come mai ad esempio Horst Fantazzini senza essersi mai macchiato di omicidi ha scontato più di 30 anni di carcere prima di morire, dove? Sempre in carcere.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)    Bookmark and Share
 
 


Rubriche

Parole senza deferenza
Quello che gli altri non ci vogliono dire
di M. Cazora

La finestra sul cortile
Piccolo osservatorio su misteri e misfatti di ieri, oggi, domani
di R. Di Giovacchino

Buy@Me
Accattatevillo! Usi ed abusi di marketing e comunicazione
di M. Castronuovo









Archivio
< settembre 2016 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             



Ultimi commenti
Ciao Simonetta, tantissimi auguri per og...
17/05/2015 @ 20:23:06
Di Marco
Oggi é stato il mio compleanno... E lo s...
17/05/2015 @ 01:27:00
Di Simonetta
Può commentare chiunque.
01/01/2015 @ 23:52:08
Di Marco